venerdì 24 marzo 2017

20 MARZO 2017: CONFERENZA STAMPA AL CID



Ulteriore, importante, innovativo sviluppo dell’attività del CID, il Centro Internazionale della Danza che, come spin off di Oriente Occidente, promuove l’arte coreutica a livello internazionale: è stato infatti nominato titolare di residenze artistiche da parte del Ministero alla Cultura e del competente Assessorato provinciale.

In seguito a tale nomina il Centro rafforza così ulteriormente per il 2017 la programmazione di residenze creative. Azione in cui crede fortemente in quanto strumento di innovazione e di arricchimento per l’intero sistema dello spettacolo dal vivo, grazie al quale i giovani artisti possono tradurre la propria creatività in esperienza professionale portando il loro lavoro a una maggiore consapevolezza e qualità artistica.
ARTISTI ASSOCIATI
Grazie al sistema di residenze il CID e il Festival Oriente Occidente puntano al supporto e alla valorizzazione di giovani coreografi del panorama nazionale. E a questo proposito hanno deciso di legare a sè, per un periodo di due anni, alcuni coreografi nominandoli Artisti Associati al Festival. 
I tre coreografi scelti per questo nuovo progetto sono: Salvo Lombardo, Irene Russolillo e Davide Valrosso.
CID CANTIERI
Altre quattro residenze sono inoltre in programma al CID nel periodo tra aprile e agosto 2017 legate al progetto CID Cantieri. I quattro coreografi che nei prossimi mesi lavoreranno nelle sale del CID sono stati selezionati dai direttori artistici Lanfranco Cis e Paolo Manfrini con la collaborazione di Alessandro Pontremoli, docente di Storia della Danza all’Università di Torino, tra oltre 70 partecipanti.
La prima Compagnia ospite sarà Fattoria Vittadini che lavorerà al progetto Vanitas. 
A luglio sarà a Rovereto la compagnia Gruppo e-Motion che con la coreografia di Manolo Perazzi realizzerà il progetto CROSSOVER.
Ad agosto altre due compagnie saranno a Rovereto per finalizzare i loro progetti.La prima è Insiemi Irreali condotta da Pietro Marullo con WRECK – elenco delle specie estinte. .
La seconda Compagnia, composta da Tommaso Monza, Claudia Rossi Valli, Chiara Taviani e Carlo Massari, lavorerà alla messa in scena della rivisitazione in chiave contemporanea e di teatro-danza dell'opera Lo Schiaccianoci.
RESIDENZE TERRITORIALI
Oltre a questi progetti coprodotti il CID a partire da gennaio ha messo a disposizione i propri spazi, sulla base di un bando aperto a tutte le realtà regionali, ad altre due compagnie di danza questa volta del panorama locale. La compagnia 3D-3dinamiche di Francesca Manfrini presenterà due nuovi progetti. Il primo Connections in disorder si propone di esplorare quello che nell’immaginario collettivo è il mondo chiuso e impenetrabile di persone con autismo o disturbi di comunicazione. Il secondo dal titolo Linee rappresenta invece un omaggio all’artista Fausto Melotti. 
La seconda Compagnia in residenza è Controra che lavora a BRIATA 1_ l’inquietudine. Progetto in divenire che nasce dalla necessità di indagare, osservare, sia emotivamente che scientificamente, la paura. 
Le tre produzioni saranno presentate al pubblico nel mese di maggio in due serate dedicate all’attività del CID e ai suoi sviluppi innovativi che, insieme a Oriente Occidente, fanno di Rovereto una delle più affermate “capitali” europee della danza moderna e contemporanea.

PROGETTO EUROPEO DANZA INCLUSIVA
Il progetto europeo Moving Beyond Inclusion – in cui Oriente Occidente rappresenta l’Italia in partnership con Regno Unito, Germania, Croazia, Svezia e Svizzera - ha preso avvio a settembre 2016 con una tre giorni di dialoghi e incontri, nella cornice di Oriente Occidente, sulle attività e i programmi che possono permettere una formazione professionale degli artisti con disabilità. Lo scopo era quello di preparare il terreno per lavorare poi nel 2017 sulle performance, la ricerca creativa e la loro presentazione nell’ambito del Festival.
Le iniziative per il 2017 sono:
- la creazione di un sito internet sulla danza inclusiva che sarà il primo portale on-line a mettere in relazione e coordinare le varie realtà italiane.
- la produzione del nuovo spettacolo della compagnia Balletto Civile/Bad Lambs che coinvolgerà gli artisti con disabilità: Aristide Rontini, Giacomo Curti e Giuseppe Comuniello.
- la realizzazione di un programma unitario di proposte formative coordinate e promosse da Oriente Occidente e messe in atto dal CID e dai partner della rete italiana con 105 giornate di attività e 24 soggetti.
-    
Inoltre all’interno del progetto Moving Beyond Inclusion Oriente Occidente 2017 ospiterà la prima mondiale del nuovo spettacolo della compagnia inglese Candoco, lavoro commissionato alla coreografa israeliana Yasmeen Godder, e dall’11 al 15 settembre un laboratorio internazionale di danza inclusiva con 30 artisti europei e 3 coreografi internazionali.
Anche in questo caso dunque Oriente Occidente e Rovereto hanno conquistato, nel campo della danza contemporanea, un ruolo di primo piano a livello europeo.